lunedì 20 dicembre 2010

Prendetemi con...la Pinza!!!!

No, non sono di cattivo umore!
Il titolo mi serve solo ad introdurre il post di oggi: la Pinza

La Pinza, o come si chiama in dialetto Pénza, è un altro dolce caratteristico della mia Bologna.
Si tratta di una ciambella di forma allungata,  farcita con marmellata Mostarda  (anche detta Sapore)

A dire il vero non l'avevo mai provata a fare prima di oggi, ma poichè dalla preparazione dei Certosini mi era rimasta della Mostarda, ho deciso di cimentarmi!!!!

Per essere il più possibile  fedele alla tradizione, la ricetta l'ho ricavata dal libro "Mica solo tortellini" del bolognese DOC Luigi Lepri, un libro che oltre a contenere le ricette della tradizione,  in "lingua originale " bolognese con testo a fronte, racconta tanti aneddoti e storie di una città che ormai (ahimè) non esiste più.

Nota: le quantità riportate sono per circa 2 pinze


Ingredienti: 500gr farina 00; 250gr zucchero; 150gr burro o margarina; latte qb; 3 uova; scorza grattugiata di mezzo limone (io ho usato, però, la scorza di un limone intero); dose per dolci per mezzo chilo; marmellata o Sapore (Mostarda bolognese).

Come procedere: Preriscaldare il forno a 180°.

Impastare tutti gli ingredienti fino ad ottenere un composto consistente aggiungendo, se necessario, il latte.

Lasciare riposare (circa 10 - 15 min.).

Su di una spianatoia tirare la sfoglia grossa più o meno 1 dito, ricavare da essa due rettangoli di circa 20x30cm, spalmare quindi la marmellata lasciando però una cornice di  2cm vuota tutt'intorno.

Arrotolare i rettangoli (partendo dai lati corti) chiudendo bene le estremità.

Spennellare con un uovo sbattuto o del latte (io ho usato il latte, ma con l'uovo la pinza è più bella perchè assume un colore dorato), spolverizzare con dello zucchero ed infornare per  circa 50 min.

Per chi volesse approfondire la lingua bolognese:
- Al Sit Bulgnais
- Bulgnais

6 commenti:

  1. Bellissima , ne prenderei un bel pezzo tutto per me>!!
    bravissima cara e approfitto per Augurarti un bellissimo Natale!!
    Auguri Anna

    RispondiElimina
  2. marmellata di mostarda?!?! e com'è?!?!?

    grazie per gli auguri,io ho messo in atto la tecnica della depressione-ribellione così che riuscirò a convincere tutti che posso pasticciare ahahahahahahah

    RispondiElimina
  3. Oggi invece servirebbe a me essere presa con le pinze, e direi che questa funzionerebbe a meraviglia! Complimenti per il bel post e per il blog, la canzoncina mette proprio di buon umore! Ciao omonima! :)

    RispondiElimina
  4. @eres Eh!eh! quella è una tecnica che funziona sempre!!!!La marmellata Mostarda è una marmellata che si fa dalle mie parti con frutta mista e soprattutto con molte mele cotogne!!!Ha un sapore "bruschino" ma con un retro gusto caramellato, non male!!!

    RispondiElimina
  5. Le ricette della tradizione hanno sempre il loro fascino, mi incuriosisce parecchio questa marmellata =)

    RispondiElimina
  6. Eh si è una marmellata d'altri tempi!!!Ma molto buona!!Magari posto la ricetta così i coraggiosi si possono cimentare!!! ;D

    RispondiElimina