giovedì 9 dicembre 2010

Curiosando in dispensa...il Certosino

Il Certosino è uno dei dolci tradizionali delle festività bolognesi e la cui origine risale almeno al Medioevo.

Secondo alcuni il nome deriva dal fatto che la ricetta originale era custodita dai monaci della Certosa, appunto certosini, i quali subentrarono, nella preparazione, agli speziali (per questa ragione è  conosciuto anche come Panspeziale).

Numerose sono le testimonianze che ci parlano di questo dolce.
Un bando del 1537 notificava alla popolazione che "per servizio della città et abitanti di essa. il Daziere può fare o far fare Confortini, Pan speciali, Certosini, Biscotti...et ogni altra sorta di pasta...".

Ancora, notizie del Certosino si ritrovano nel "Libro dei ricordi" del Monastero di S. Michele in Bosco, nel quale si racconta dell'abitudine dei monaci Olivetani, tra il '600 e il '700, di omaggiare le autorità con doni natalizi commestibili, di produzione propria, tra i quali sono citati i panspeziali.

Persino il vocabolario Bolognese - Italiano di C. Coronidi Berti, edito a Bologna tra il 1869 - 1872,  cita il Panspeziale.

 In seguito,dal convento, la produzione passò alle drogherie (che li producevano attraverso una lunga preparazione e con la possibilità  di degustarlo almeno 20 giorni dopo la cottura, perchè solo in tal modo  erano pronti per il giusto sapore), ed infine, anche molte famiglie cominciarono una propria produzione domestica.

Simile al Certosino, ma con una consistenza molto più morbida, è anche il Panone, anch'esso caratteristico delle festività natalizie bolognesi.

Nel 2003 l'Accademia Italiana della Cucina, con atto notarile, ha decretato la ricetta classica del Certosino, consegnando poi l'atto presso la Camera di Commercio di Bologna.

Per approfondimenti:
La Mercanzia - Storie  di tortellini, tagliatelle e...

2 commenti:

  1. Oh sì sì lo conosco!! Ed è buonissimo! Grazie per il commento lasciato nel mio blog, sono passata subito a curiosare nel tuo, molto carino :)
    A presto,
    A.

    RispondiElimina
  2. Grazie mille!!!!
    A prestissimo!
    Chiara

    RispondiElimina